La Juve soffia al Bayern Kenan Yildiz: ecco chi è il giovane turco-tedesco
Resta in contatto

Calciomercato

La Juve soffia al Bayern Kenan Yildiz: ecco chi è il giovane turco-tedesco

Il centrocampista classe 2005, nazionale turco ma con madre tedesca, a un passo dalla firma con i bianconeri. Si dividerà tra Primavera e formazione Under23. Con l’Under19 del Bayern 5 gol e 12 assist

Le battaglie di mercato esistono anche nelle giovanili. Il Bayern Monaco a maggio ha strappato alla Juventus Manuel Pisano, attaccante del 2006, e la Juventus un mese dopo ha praticamente chiuso con un giocatore in uscita dal Bayern. È Kenan Yildiz, centrocampista offensivo del 2005, nazionale turco con madre tedesca, quindi ancora eleggibile per la Germania. Non ha ancora firmato, ma… ci siamo quasi.

Yildiz è stato seguito dal Barcellona, che però non ha mai affondato, e naturalmente interessava al Bayern per un nuovo contratto. Invece ha scelto la Juve, che gli garantisce un posto in Primavera e porte aperte per l’Under 23, con cui verrà testato.

La scheda 

Sì, ma chi è Kenan Yildiz? Un centrocampista offensivo che sembra avere un futuro da mezzala: ha fisico e tecnica in velocità, come i video visibili online spiegano. Nonostante questo, può giocare anche sull’esterno e in posizione più avanzata. Il Bayern lo ha scelto quando aveva sette anni e Kenan ha giocato in rosso fino alla scorsa stagione, in cui ha esordito in U17 e subito scalato un gradino nell’U19, con cui ha segnato 5 gol con 12 assist. Curiosità: l’Adidas lo ha messo sotto contratto quando aveva 10 anni (!), facendo di lui il più giovane calciatore mai sponsorizzato dalle tre strisce.

Religione e tatuaggi

Kenan per certi aspetti è un 17enne classico: ama i videogiochi, in particolare F1 e simulatori di guida. E’ molto legato al nonno, arbitro di pallamano e il vero appassionato di sport della famiglia, e tra i suoi sportivi preferiti ci sono Ja Morant e Steph Curry, stelle Nba: una scelta che dice parecchio sul suo senso per lo spettacolo. In altri aspetti, si stacca dalla massa. Uno su tutti: non ha tatuaggi perché la sua religione – è musulmano – non lo permette.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da Calciomercato