Kostic si avvicina: la Juventus vuole chiudere nelle prossime 48 ore
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Kostic si avvicina: la Juventus vuole chiudere nelle prossime 48 ore

Da definire ancora la valutazione con l’Eintrach Francoforte che tira sul prezzo e vorrebbe schierare l’esterno serbo nella Supercoppa Europea di venerdì sera contro il Real Madrid

L’Eintracht Francoforte si è ormai rassegnato all’idea di perdere Filip Kostic, promesso sposo della Juventus ormai da qualche giorno, cioè da quando è ripartito l’assalto dopo il vertice di mercato tra Massimiliano Allegri e Federico Cherubini che ha definito la strategia bianconera nel mese di agosto.

Kostic è immediatamente tornato a essere la prima scelta della Juventus, a caccia di un esterno in grado di cambiare pelle tattica alla squadra e di portare in dote esperienza internazionale (con l’Europa League vinta e le tante presenze nella Nazionale serba).

Da lì è nuovamente decollata una trattativa che era già partita tra fine maggio e i primi di giugno, per poi avere una fase di stallo a causa delle altre necessità bianconere sul mercato.

Ora la Juventus è tornata ad accelerare e si è capito anche al termine della scoppola casalinga rimediata dal Bayern Monaco che anche dalle parti di Francoforte stiano digerendo la volontà del giocatore di abbracciare la nuova avventura.

Kostic, quando arriva a Torino

Kostic ha salutato il pubblico, ha ringraziato alcuni tifosi, ha anche avuto modo di scambiare due parole con Matthijs De Ligt, magari proprio su Torino, la città che l’olandese ha salutato da qualche settimana.

Oliver Glasner, il tecnico dell’Eintracht, già in difficoltà nel dover spiegare il tracollo con i bavaresi, si è lasciato trasportare dall’amara e tagliente ironia per nascondere il proprio disappunto: “Kostic? Sì sì, l’ho sostituito prima così sarà pronto per andare in Italia, la prossima settimana…”, per poi tornare serio e chiarire così la posizione del club tedesco: “L’ho sostituito perché così sarà pronto per mercoledì, per il match con il Real Madrid“, quando a Helsinki l’Eintracht si giocherà la Supercoppa Europea contro i campioni d’Europa in carica.

Se la squadra di Francoforte giocherà come venerdì sera, allora non ci sarà partita, ma certo per l’Eintracht la presenza di Kostic cambierebbe non poco le ambizioni tedesche in un trofeo comunque importante.

Ma la Juventus ha fretta e vuole chiudere, possibilmente nelle prossime 48 ore: anche ieri sono proseguiti, frenetici, i contatti con gli agenti di Kostic per dare la spallata definitiva a una trattativa in cui ballano circa 5 milioni tra l’offerta che arriva dalla Continassa e che i dirigenti juventini non vorrebbero prolungare troppo, in modo da mettere Allegri nelle condizioni di avere a disposizione il nuovo acquisto già a Ferragosto, quando allo Stadium arriverà il Sassuolo per la prima di campionato.

L’obiettivo bianconero perciò è di non allontanarsi troppo dai 10 milioni proposti per il cartellino dell’esterno (che va in scadenza con i tedeschi nel 2023).

Questo anche grazie a una posizione rafforzata dalla volontà del serbo di intraprendere una nuova avventura e dalla progressiva rassegnazione del club tedesco.

Se ci sarà, come nelle intenzioni e nelle speranze bianconere, la tanto attesa chiusura dell’affare tra oggi e domani, allora Kostic potrebbe raggiungere Torino a inizio settimana per compiere il solito rituale composto da visite al J|Medical e firma del contratto (triennale con possibile opzione per una quarta stagione). Questione di tempo, a questo punto.

Lo riporta oggi Tuttosport.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da Calciomercato