La Juventus prepara la trasferta di Genova: Kostic si scalda per la prima da titolare
Resta in contatto

News

La Juventus prepara la trasferta di Genova: Kostic si scalda per la prima da titolare

Con l’assenza di Di Maria il serbo è pronto a partire dal 1° minuto nel tridente con Vlahovic e Cuadrado

Un giorno di riposo e poi si ricomincia. Dopo i segnali positivi lanciati nel debutto con il Sassuolo, per la Juve di Max Allegri inizia oggi l’avvicinamento al match con la Sampdoria, di nuovo in programma lunedì sera.

E se a Ferragosto con un paio di allenamenti in gruppo è stato Filip Kostic a vestire i panni dell’alternativa di lusso, a Genova è destinato a trovare per la prima volta un posto da titolare con l’obiettivo personale di non lasciarlo più.

Con un Angel Di Maria in meno e un Moise Kean in più, con la consapevolezza che nonostante un pre-campionato così così rimanga il 4-3-3 l’abito per il momento più adatto alla sua Juve, proprio Kostic sarà chiamato a completare il tridente al fianco di Dusan Vlahovic e Juan Cuadrado.

TRIDENTE DIVERSO – Sulla lavagna cambia poco, sul campo cambia tutto o quasi. Perché contro il Sassuolo si è vista una Juve con gli esterni d’attacco a piede invertito, almeno fino a quando non è cominciata la girandola dei campi. Una volta abbandonato il 4-2-3-1 che tanto stava stendando, infatti, Allegri ha rimesso il mancino Di Maria a destra e il destro Cuadrado a sinistra: una soluzione d’emergenza o quasi, provata e riprovata anche negli Stati Uniti, con la Juve che ha poi deciso di virare con decisione su Kostic dopo averlo sostanzialmente abbandonato in precedenza.

Esterni puri sulla propria fascia naturale, quello che dovrebbe garantire Kostic (e con lui Cuadrado) sono cross e sovrapposizioni, proprio quello di cui avrebbe bisogno uno come Vlahovic per continuare a far valere le proprie qualità in area di rigore.

FIDUCIA A FILIP – Che ci sia fiducia attorno a Kostic, comunque, lo si è subito capito in casa Juve. Senza qualche ritardo burocratico di troppo, infatti, sarebbe con ogni probabilità partito titolare già contro il Sassuolo.

Positivo il suo spezzone anche a risultato ormai acquisito, per lui sono già state spese parole al miele sia da parte di Allegri («È un giocatore che crossa molto bene, con un ottimo controllo di palla») che del connazionale Vlahovic («Lo conosco, è sempre bello avere qualcuno con cui parlare la tua lingua»).

E da lunedì toccherà al serbo dimostrare a tutti perché la Juve abbia scelto proprio lui per completare l’organico senza aspettare di sbloccare il mercato in uscita.

LE ALTRE SCELTE – Salvo sorprese, via libera quindi al tridente Cuadrado-Vlahovic-Kostic. Per il resto si dovrebbe rivedere sostanzialmente la stessa Juve schierata contro il Sassuolo, con Perin in porta, Danilo, Bonucci, Bremer e Alex Sandro in difesa, con Zakaria e Locatelli a fare legna lasciando a McKennie il compito di inserirsi in area di rigore per fornire alternative a Vlahovic.

Rispetto alla gara con il Sassuolo, pur perdendo un asso come Di Maria, per Allegri ci saranno un paio di alternative in più dalla panchina: oltre a Kean, infatti, anche Rabiot ha smaltito la squalifica e sarà a disposizione nonostante il rumore che lo circonda. 

Lo scrive oggi Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News