Olanda-Argentina 2-2 (5-6 dcr), brilla Messi ma Emiliano Martinez manda l’albiceleste in semifinale - Tifo Juventus
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

qatar-2022

Olanda-Argentina 2-2 (5-6 dcr), brilla Messi ma Emiliano Martinez manda l’albiceleste in semifinale

Dopo una partita interminabile, i sudamericani conquistano la semifinale. Vantaggio di Molina, raddoppio di Messi su rigore, ma Weghorst rimonta tutto (pari al decimo di recupero). Nei supplementari Fernandez colpisce il palo. Di Lautaro il rigore decisivo.

La gara, inizialmente contratta, si sblocca con il sinistro alto di Messi al 22′. Due minuti dopo, risponde l’Olanda: azione pregevole conclusa male da Bergwin. L’albiceleste tiene di più la palla, mentre van Gaal s’affida all’attacco in verticale veloce una volta recuperata. Al minuto 33 Mac Allister appoggia su De Paul, tiro centrale che Noppert controlla agevolmente. Messi s’accende due minuti dopo e trova una traccia pazzesca per l’inserimento di Molina. Il laterale stoppa alle spalle di Blind e deposita in porta. Il Diez riesce a girarsi in area al 39′ nonostante la marcatura di van Dijk e Akè, conclusione su Noppert. L’Olanda si presenta in attacco con delle mischie nell’area avversaria, ma Martinez non deve compiere parate.

Nella ripresa, l’Olanda porta più uomini nella trequarti argentina salendo di baricentro senza produrre palle-gol. Le due squadre forzano troppo le giocate offensive e su un’altra intuizione di Messi, Mac Allister calibra male i giri del passaggio per De Paul. Al 62′, Messi sfiora il raddoppio con una punizione che sibila sopra l’incrocio del primo palo. Al 70′ l’Argentina conquista un calcio di rigore: Acuna sterza sul lato corto dell’area di rigore e entra in contatto con Dumfries. Dal dischetto, Messi spiazza Noppert ed è 2-0. Al primo tiro in porta, Weghorst di testa supera Lisandro Martinez e dimezza lo svantaggio su cross di Berghuis. Non passa neanche un minuto e Berghuis dà l’illusione della rete sparando sull’esterno su sponda di Luuk de Jong. Allo scadere dei minuti di recupero, ancora Weghorst cambia la storia di una partita dal finale già scritto correggendo in rete uno schema da calcio piazzato partito da Koopmeiners.

Nei tempi supplementari, l’Argentina sembra impaurita e al contempo l’Olanda cerca di riprendere un certo ordine prima di cercare le torri. Messi e compagni perdono d’imprevedibilità. Otamendi non arpiona una punizione del campione del PSG al 103′, ma più passano i minuti più domina la paura. Noppert esce bene su un corner al 106′ e il solito Messi manda alto al 110′. Gli oranje si difendono e, sempre su azione da calcio piazzato, Luuk de Jong si fa respingere il tiro. Enzo Fernandez semina due uomini al 115′ ma van Dijk s’oppone al tiro a botta sicura di Lautaro. Il centrocampista del Benfica sfiora il gol personale sessanta secondi dopo, ma Weghorst, dopo due gol fatti, ne evita uno. Il forcing finale argentino espone la difesa a ripartenze ma continua con Lautaro, chiuso da Noppert al 119′. Senza gloria neanche il diagonale di Messi deviato da van Dijk prima della parata di Noppert su Di Maria direttamente da corner. L’Argentina sfiora la semifinale nel minuto di recupero: Fernandez calcia da fuori e coglie la base del palo.

Ai tiri dal dischetto, Emiliano Martinez ferma van Dijk e Berghuis e Fernandez sbaglia il gol vittoria. Luuk De Jong mantiene in vita l’Olanda, ma Lautaro spiazza Noppert al quinto rigore e manda l’Argentina in semifinale.

Il tabellino

Olanda-Argentina 5-6 dcr (2-2 al 120′)

Olanda (3-4-1-2): Noppert; Timber, van Dijk, Akè; Dumfries, de Roon (46’Koopmeiners), F.de Jong, Blind (64’L.de Jong); Gakpo (113’Lang); Depay (78’Weghorst), Bergwin (46’Berghuis). A disposizione Pasveer, de Ligt, de Vrij, Bijlow, Klaassen, Malacia, Janssen, Taylor, Simons, Frimpong. Allenatore L. van Gaal.

Argentina (3-5-2): E.Martinez; Romero (78’Pezzella), Otamendi, Lisandro Martinez (112’Di Maria); Molina (105’Montiel), De Paul (66’Paredes), Enzo Fernandez, Mac Allister, Acuna (78’Tagliafico); J.Alvarez (81’Lautaro Martinez), Messi. A disposizione Armani, Rulli, Foyth, Palacios, Correa, Almada, Gòmez, Rodriguez, Dybala. Allenatore L.Scaloni.

Marcatori 35’Molina (A), 73’rig.Messi (A), 83′, 100’st Weghorst (O)

Sequenza rigori van Dijk (O) parato, Messi (A) gol, Berghuis (O) parato, Paredes (A) gol, Koopmeiners (O) gol, Montiel (A) gol, Weghorst (O) gol, Enzo Fernandez (A) fuori, L.De Jong (O) gol, Lautaro (A) gol

Ammoniti Timber (O), Acuna (A), Samuel (vice all.) (A), Romero (A), Weghorst (O), Lisandro Martinez (A), Depay (O), Paredes (A), van Dijk (O), Messi (A), Montiel (A), Pezzella (A).

Rimani sempre aggiornato sul sito Tifosi in Rete

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
allegri juventus

SONDAGGIO – Che voto date alla prima parte di stagione della Juventus?

Ultimo commento: "Lo spogliatoio non esiste la prima donna la fa Allegri fuori dal campo che detta legge senza cognizione di causa … Gioco del calcio obsoleto .. ci..."

Juventus in crisi: colpa della società o di Allegri? Votate

Ultimo commento: "Monociglio, la Pavella, bella società si, ben rappresentata, uno fa le torte e si fa riprendere, quell’altro che deve ringraziare di chiamarsi..."

Scudetto sì, scudetto no. La Juventus è realmente in corsa per la vittoria del campionato? Votate

Ultimo commento: "Magari fosse come la Ferrari ogni tanto qualche gara la vince , questa Juve non vince nemmeno se gioca a briscola, Allegri è troppo impegnato..."

I dubbi di Allegri in attacco: Dybala stanco, Morata affaticato. Chi tra Kean e Chiesa mercoledì?

Ultimo commento: "Riposare Dybala ? Qualcuno si è fumato il cervello."
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da qatar-2022