Milan, Pioli: "Difficile aspettarsi la Juve in questa situazione, ma non siamo i favoriti" - Tifo Juventus
Resta in contatto

News

Milan, Pioli: “Difficile aspettarsi la Juve in questa situazione, ma non siamo i favoriti”

Dopo la sconfitta nel debutto in Champions League ad Anfield, i rossoneri si rituffano nel campionato

Niente Ibra, niente Giroud: sono sicuramente queste le notizie più itneressanti emerse quest’oggi dalla conferenza pre-partita di Pioli, chiamato quest’oggi a presentare la sfida in programma domani all’Allianz Stadium.

Di seguito, infatti, le principali dichiarazioni del tecnico rossonero.

LA JUVENTUS. «La Juve ha avuto tanti giocatori in Nazionale, ma era difficile aspettarsi di trovarli in questa situazione. Noi comunque non siamo favoriti: hanno grandi giocatori e tradizione, sarà una gara equilibrata. È una partita importantissima per entrambe le formazioni. Mi aspetto che la Juve ci venga a prendere. Dobbiamo essere preparati per tutte le situazioni e cercare di giocare con una attenzione e una cura di particolari superiore alla loro Allegri? Mi fa piacere ritrovare Max, grande allenatore e persona intelligente».

L’INFERMERIA. «Ibra vorrebbe essere Superman ma ancora non ci riesce: non ci sono stati grandi miglioramenti e domani non ci sarà, così come Giroud che ha avuto una lombalgia. Ci concentriamo sulle ciò che abbiamo e saremo competitivi».

LA LOTTA SCUDETTO. «Noi ci sentiamo forti e la gara contro il Liverpool ci darà motivazione per alzare il nostro livello. Le “sette sorelle” sono tra loro molto vicine. Anche la Juve è in lotta per l’obiettivo, quindi domani proveremo a essere migliori di loro».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News