Juventus Under 23, battuto il Lecco nel segno di Soulè - Tifo Juventus
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Settore giovanile

Juventus Under 23, battuto il Lecco nel segno di Soulè

Vittoria in campionato per la Juventus Under 23. Contro il Lecco decide Soulè

Una vittoria voluta con grande forza quella ottenuta questo pomeriggio dalla Juventus Under 23. Ad Alessandria i bianconeri superano 1-0 il Lecco grazie alla splendida rete segnata nel primo tempo da Matias Soulè, il modo migliore per festeggiare la prima convocazione con l’Argentina. Un successo cercato, un successo da squadra matura quello dei ragazzi di Mister Zauli e non era scontato tenendo in considerazione che, ancora una volta, la Juve è scesa in campo con una rosa giovanissima e quest’oggi ancora di più: nessun giocatore nato prima del 2000, dunque, ampiamente sotto età Under 23 addirittura. Un dato significativo che spiega ancora meglio l’importanza, ma soprattutto il valore di questo risultato.

La Juventus Under 23 scende in campo con il 4-3-1-2 con Israel in porta, Akè, de Winter, Stramaccioni e Anzolin in difesa, Miretti, Palumbo e Sersanti in mediana, Soulè ad agire dietro Pecorino e Da Graca. E sarà proprio la posizione di Soulè, abile a muoversi su tutto il fronte offensivo, a dare pochi punti di riferimento alla formazione di Mister Zironelli.

Nei minuti iniziali sono i bianconeri a essere padroni del campo, gestendo con un buon possesso il pallone, ma senza riuscire a trovare gli spazi giusti nella trequarti del Lecco che si chiude con ordine. La prima vera opportunità per la Juve arriva al minuto 14 con il calcio di punizione a due all’interno dell’area di rigore: calcia bene Miretti, dopo il tocco di Soulè, ma la palla sorvola di poco la traversa. Pochi giri di orologio più tardi arriva la risposta dei lombardi, anche in questo caso su calcio piazzato. A provarci è Iocolano che calcia bene, ma vede il pallone stamparsi sulla traversa. Superato questo brivido la Juve torna a imporre il proprio gioco e prova a trovare la via del gol con Soulè e Da Graca, ma in entrambe le situazioni Pissardo è attento. Al minuto 43, però, arriva la svolta di questa prima frazione. Soulè riceve palla al limite dell’area da Sersanti, ha tempo di prendere la mira e calciare a giro con il suo sinistro a fil di palo. Pissardo si allunga, ma non ci può arrivare, 1-0. Con questa perla i bianconeri chiudono in vantaggio il primo tempo.

Nella ripresa è ancora la squadra guidata da Mister Zauli a partire con il piede sull’acceleratore, alla ricerca della rete del raddoppio. Al 49’ ci va vicinissimo Stramaccioni su una punizione calciata da Miretti: il numero 3 prende il tempo a tutti sul primo palo e di testa prova a superare Pissardo che si supera e tiene in partita i suoi compagni. Soltanto a metà del secondo parziale arriva uno squillo del Lecco, con il destro di Tordini che termina la sua corsa di poco largo alla destra della porta difesa da Israel. Due giri di orologio più tardi Akè si mette in proprio e sfiora il 2-0 con un coast to coast strepitoso che lo porta a calciare con forza verso la porta, ma senza riuscire a inquadrarla. Al 79’ il nostro numero 23 si dimostra ancora una volta incontenibile offrendo un pallone splendido al neo entrato Sekulov che non riesce, però, a superare Pissardo. Un minuto più tardi è il Lecco ad affacciarsi dalle parti di Israel con Mastroianni, ma senza trovare il bersaglio grosso. Il finale è intenso, ma senza grandi pericoli né da una parte né dall’altra e questa è una notizia estremamente positiva per i bianconeri che escono dal campo con tre punti pesantissimi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
allegri juventus

SONDAGGIO – Che voto date alla prima parte di stagione della Juventus?

Ultimo commento: "Lo spogliatoio non esiste la prima donna la fa Allegri fuori dal campo che detta legge senza cognizione di causa … Gioco del calcio obsoleto .. ci..."

Juventus in crisi: colpa della società o di Allegri? Votate

Ultimo commento: "Monociglio, la Pavella, bella società si, ben rappresentata, uno fa le torte e si fa riprendere, quell’altro che deve ringraziare di chiamarsi..."

Scudetto sì, scudetto no. La Juventus è realmente in corsa per la vittoria del campionato? Votate

Ultimo commento: "Magari fosse come la Ferrari ogni tanto qualche gara la vince , questa Juve non vince nemmeno se gioca a briscola, Allegri è troppo impegnato..."

I dubbi di Allegri in attacco: Dybala stanco, Morata affaticato. Chi tra Kean e Chiesa mercoledì?

Ultimo commento: "Riposare Dybala ? Qualcuno si è fumato il cervello."
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da Settore giovanile