Resta in contatto

Roberto Baggio

Biografia

Roberto Baggio nasce a Caldogno, in provincia di Vicenza il 18 febbraio 1967. Esordisce calcisticamente nel Lanerossi Vicenza: nel 1983, a 16 anni, debutta in prima squadra; nella stagione seguente diventa un titolare, segna 12 gol in campionato ed entra nel cuore dei tifosi. Il 5 maggio 1985, contro il Rimini, subisce il suo primo grave infortunio: si rompe il ginocchio destro.

Nonostante l’infortunio, la Fiorentina, che era già in trattativa avanzata per il suo acquisto, decide di portarlo lo stesso a Firenze. Il 12 settembre 1986 esordisce in Serie A, ma una settimana dopo un nuovo infortunio al menisco. Rientra a fine stagione e realizza, il 10 maggio 1987, il primo gol nel massimo campionato. La stagione successiva, nel tende d’attacco con Borgonovo e sotto la gestione di Eriksen, grazie ai suoi gol e ai suoi assist diventa un idolo della tifoseria viola. Nel 1990 la Fiorentina arriva in finale di Coppa Uefa, ma perde contro la Juventus.

Nell’estate del 1990 il presidente viola Pontello cede Baggio alla Juventus e Firenze insorge, nonostante la volontà del calciatore di rimanere a Firenze. La sua prima stagione in bianconero è quella della Juve rimasta fuori dalle coppe europee: Baggio fa il suo dovere, segna e fa segnare. Nella stagione 1991-1992 alla Juventus torna Trapattoni: al capolinea bianconeri secondi in campionato e finalisti in Coppa Italia, e Baggio è un cardine. Nel 1993 la Juve vince la Coppa Italia e alla fine dell’anno solare Baggio vince il Pallone d’Oro. La stagione successiva, con un giovane Del Piero e con Lippi in panchina, la Juventus piazza la doppietta Scudetto-Coppa Italia, ma la storia di Baggio in bianconero arriva al Capolinea.

Va al Milan, nel luglio 1995 e con Capello rivince il campionato. Poi sulla panchina rossonera arriva Arrigo Sacchi, con cui Baggio ha ruggine risalente alla nazionale, rimane ai margini della squadra e decide di cambiare aria. Si trasferisce al B Bologna dove stabilisce un record personale: 22 gol segnati in 30 partite. A fine stagione torna a Milano, sponda Inter, però. Si inserisce bene a ricordare la doppietta al Real Madrid in Champions League, ma l’esonero di Gigi Simoni rompe gli equilibri. . Nella stagione 1999-2000, sulla panchina dell’Inter siede Marcello Lippi, e l’impiego di Baggio diminuisce ulteriormente. Finisce ai margini e lascia il club nerazzurro.

L’ultimo approdo della sua carriera è al Brescia, convinto dall’allenatore Carlo Mazzone. Con 10 reti in campionato Baggio conduce la squadra all’8° posto, il miglior piazzamento mai ottenuto dal Brescia. . La stagione successiva parte bene, ma un paio di infortuni lo ostacolano; rientra in tempo per contribuire alla salvezza del Brescia. Resta con le Rondinelle per altre due stagioni, costellate di gol, grandi giocate e amore dei tifosi. Il 16 maggio 2004 arriva l’ultima recita, in un teatro degno: a san Siro si gioca Milan-Brescia. Lasciato il calcio giocato, Roberto Baggio ha scelto di eclissarsi. Le luci dei riflettori non fanno per lui.

Esordisce in nazionale A il 16 novembre 1988, a 21 anni. Segna il suo primo gol il 22 aprile 1989, in un’amichevole contro l’Uruguay. Partecipa ad Italia ’90, il mondiale perso in semifinale a Napoli contro l’Argentina. Nel ’94 il mondiale negli USA. Baggio è protagonista: gol decisivi contro la Nigeria agli ottavi, gol decisivo contro la Spagna a quarti, doppietta in semifinale contro la Bulgaria. Nella finale al Rose Bowl di Pasadena con il Brasile il rigore decisivo sbagliato che vale la vittoria del mondiale al Brasile. Il rapporto con Sacchi si sfilaccia, Roberto torna nel giro della nazionale con Cesare Maldini, pronto a vivere da protagonista il suo terzo mondiale: Francia ’98, dove l’Italia viene eliminata dalla Francia ai rigori nei quarti di finale. In lizza per la convocazione anche al mondiale 2002 in Corea e Giappone, Trapattoni alla fine sceglie di non portarlo.

Tutto su Roberto Baggio

Roby Baggio: "Vincere per nove anni di fila come ha fatto la Juve non capita per caso"

Le parole del Divin Codino a margine dell’inaugurazione del nuovo volo Ita Airways per...

Dybala raggiunge Roby Baggio: nono miglior marcatore della storia bianconera

Superato di un gol Cristiano Ronaldo e raggiunto il “Divin Codino” tra i migliori...

Ultimo commento: "Ma ke partite di Dybala hai visto solo quelle ke hai menzionato ........ma vai a letto va.........." Maurizio

ESCLUSIVA TJ - Caverzan: "Del periodo alla Juve ricordo gli allenamenti con Roby Baggio e gli insegnamenti di Trapattoni e Zoff"

In vista di Juventus-Spezia abbiamo sentito l’ex fantasista doppio ex di bianconeri e aquilotti....

Gullit: "Il trasferimento di Vlahovic come quello di Roby Baggio"

L’ex attaccante olandese ha commentato l’arrivo del serbo in bianconero: “Da giocatore della Fiorentina...

Renzi arrabbiato per la cessione di Vlahovic: "Tutti alla Juve li diamo"

La partita politica per il Colle ancora deve iniziare, quella della trattativa, Vlahovic-Juventus, invece,...

Carriera & Palmares

Nazionalità: Italiana
Data di nascita: 18 febbraio 1967

Carriera

Giovanili

1974-1980

Caldogno

1980-1982

Lanerossi Vicenza

Club

1982-1985

Lanerossi Vicenza

1985-1990

Fiorentina

1990-1995

Juventus

1995-1997

Milan

1997-1998

Bologna

1998-2000

Inter

2000-2004

Brescia

Nazionale

1984

Italia U-16

1988-2004

Italia

Statistiche

Club

Squadra

Presenze

Reti

Lanerossi Vicenza

36

13

Fiorentina

94

39

Juventus

141

78

Milan

51

12

Bologna

30

22

Inter

41

9

Brescia

95

45

Nazionale

Italia

60

30

Bacheca dei trofei

Club

Campionato italiano

Juventus: 1994-1995

Milan: 1995-1996

Coppa Italia

Juventus: 1994-1995

Coppa UEFA

Juventus: 1992-1993

Individuale

Guerin d'oro come miglior calciatore della Serie C1

1985

Trofeo Bravo

1990

Capocannoniere della Coppa delle Coppe

1990-1991 (9 gol)

Pallone d'oro

1993

FIFA World Player

1993

Onze d'or

1993

World Soccer's World Player of the Year

1993

All-Star Team dei Mondiali

Stati Uniti 1994

Onze de bronze

1994

Onze d'argent

1995

Guerin d'oro

2001

Oscar del calcio AIC

Calciatore più amato dai tifosi: 2002

Premio Scirea alla carriera

2001

Inserito nel FIFA World Cup Dream Team

2002

Golden Foot

2003

Inserito nella FIFA 100

2004

Inserito nella Hall of Fame del calcio italiano nella categoria Giocatore italiano

2011

Inserito nella Walk of Fame dello sport italiano nella categoria Leggende

2015

Candidato al Dream Team del Pallone d'oro

2020

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Zinedine Zidane

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments