Cabrini: "Alla Juve anni splendidi. Piango la scomparsa di Rossi" - Tifo Juventus
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cabrini: “Alla Juve anni splendidi. Piango la scomparsa di Rossi”

Il campione del mondo 1982 ha parlato a La Provincia, parlando anche della propria esperienza bianconera

Non poteva non esserci la Juventus tra gli argomenti trattati da Antonio Cabrini durante la lunga intervista concessa a La Provincia dall’ex terzino bianconero.

Senza perdere tempo, ecco dunque le sue principali dichiarazioni.

L’ESPERIENZA BIANCONERA. «Non posso chiedere nulla di più di quanto ho avuto alla Juve: sono stati anni splendidi e indimenticabili. Ho avuto un grande allenatore come Trapattoni e una grande dirigenza formata da persone competenti come gli Agnelli e Boniperti. Quando il giocatore sente la pressione di personaggi così, sa che deve sempre dare il massimo».

I COMPAGNI DI SQUADRA. «Piango ancora la scomparsa di Paolo Rossi, un grande bomber e un compagno di stanza per una decina d’anni. Eravamo in sintonia sul campo e tutti i giorni. Gli stranieri più forti? Su tutti ovviamente Platini, ma anche Brady e Boniek».

GIOIE E DOLORI. «La vittoria più bella è stata la vittoria della Coppa Intercontinentale contro l’Argentinos Juniors. Ricordo che segnai uno dei rigori decisivi. Il momento più brutto? L’Heysel, quel giorno non ha perso solo il calcio, ha perso l’uomo».

IL DERBY. «La sfida tra Juventus e Torino non è una partita come le altre: l vittoria in città vale quasi come un campionato».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News