Causio: "Per la Juve anche componente legata agli episodi. Dybala invece..." - Tifo Juventus
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Causio: “Per la Juve anche componente legata agli episodi. Dybala invece…”

L’ex ala bianconera ha parlato di Juventus ai microfoni del Corriere dello Sport

La maglia della Juventus pesa, ma la Vecchia Signora è anche questo: il messaggio di Franco Causio verso i giocatori bianconeri è piuttosto chiaro.

Di seguito, infatti, le principali dichiarazioni rilasciate dal Barone ai colleghi del Corriere dello Sport.

LE MANCANZE. «Alla Juventus serve un’identità di squadra e Allegri è la persona giusta per riuscire a farla emergere. In rosa ci sono tanti ragazzi di valore che devono solo iniziare a credere in loro stessi, inoltre sta mancando la consueta cattiveria. In questi momenti difficili i veterani possono essere d’aiuto, anche se poi i giovani devono cominciare ad aiutarsi da soli. Il peso della maglia? La Juventus è questa, lì devi sempre vincere e se non lo fai ti trovi tutti gli occhi addosso».

IL MOMENTO. «In questo inizio di stagione c’è stata anche una componente legata agli episodi e la partita di Udine ne è la fotografia migliore: la Juve ha preso due pali, è andata a un passo dal 3-1 e poi è arrivata la beffa del 2-2. È una botta che ti condiziona anche a livello psicologico. La reazione vista contro lo Spezia comunque è stata importante, può aver sbloccato mentalmente tanti giocatori. Ora però la squadra deve imporsi perché ha una rosa straordinaria».

IL TECNICO. «Credo molto nelle qualità da allenatore di Allegri. A un mese dall’inizio della stagione si ritrova già a dover fare delle scelte importanti e non deve guardare in faccia a nessuno, inoltre ci sono tante partite ravvicinate e giocando ogni tre giorni è difficile trovare le soluzioni ai problemi emersi nelle ultime giornate».

I SINGOLI. «Chiesa, Bentancur e Morata potrebbero diventare dei leader se cominciassero a rendere di più, inoltre c’è un elemento come Rabiot che ancora davvero non conosce le proprie potenzialità. Dybala invece deve dimostrare di essere un giocatore in grado di incidere per davvero e di dimostrare cosa sa fare. L’addio di Ronaldo? Bisogna solo ringraziarlo per quello che ha fatto, anche se la sua presenza forse non ha fatto rendere al meglio altri giocatori. Adesso però tocca a chi è rimasto».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News