La Juventus e la Nazionale: Lorenzo Lucca studia da grande - Tifo Juventus
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Juventus e la Nazionale: Lorenzo Lucca studia da grande

L’attaccante dell’Under 21 e del Pisa è vicino al grande salto che insegue da anni. E intanto Mancini lo osserva

La Juventus mette la freccia per Lorenzo Lucca. Il giocatore sul quale TorinoVicenza e Brescia non hanno creduto quando avrebbero potuto tenerlo o riscattarlo per cifre decisamente basse, è da quest’estate nel mirino della Juventus e adesso emergono particolari che portano ad indizi piuttosto significativi per un suo futuro approdo in bianconero. Il talento di Moncalieri, 21 anni, 2 metri e 01, è cresciuto nel vivaio granata: fu mandato prima a Chieri e poi all’Atletico Torino dove a 16 anni giocò in Promozione per poi finire, sempre in prestito, al Vicenza dove venne aggregato alla squadra Berretti e giocò anche tre partite in serie C. Il suo procuratore di allora, il bresciano Sergio Lancini, nell’estate del 2018 lo portò al Brescia dove in Primavera Lucca segnò 16 gol in 18 partite. A volerlo e consigliarlo vivamente al presidente Cellino furono il direttore sportivo Francesco Marroccu e il responsabile del settore giovanile Cristian Botturi, spiega stamani Tuttosport.

Da quel momento cominciarono le manovre per riportare il ragazzo verso una grande squadra. A gennaio 2019 passò in serie D al Palermo di Sagramola e Castagnini rimanendo poi anche l’anno scorso in C per un totale di 14 gol in 27 partite. Quest’estate, con l’approdo di Claudio Chiellini al Pisa, il cerchio ha cominciato a chiudersi: Imoborgia e il fratello di Giorgio hanno iniziato un discorso sempre più intenso con la Juventus. Che si è ora messa in una posizione di pole-position per avere, a giugno, l’attaccante che anche Mancini sta valutando per la Nazionale. Nel frattempo Lorenzo Lucca sta smussando alcuni lati del suo carattere che ne avevano frenato la crescita negli anni scorsi. Ma è ancora, più che mai in tempo, per capire cosa l’aspetta alla Juventus e non bruciarsi anche questa carta come gli accadde in quella partitella del mercoledì con la maglia del Brescia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News