E' già la Juventus di Di Maria: "Il Fideo" nuovo leader tecnico bianconero - Tifo Juventus
Resta in contatto

News

E’ già la Juventus di Di Maria: “Il Fideo” nuovo leader tecnico bianconero

Anche Moise Kean sta strabiliando in questo inizio di nuova stagione. Ottimo il debutto di Bremer, mentre Alex Sandro fatica terribilmente. A centrocampo si aspetta Paredes, ma serve anche un terzino sinistro

Cresce la Juve di Di Maria. Non ci sono dubbi, è il Fideo il nuovo leader della squadra di Allegri. È lui che prende per mano il gruppo rimasto orfano, e chissà per quanto ancora, di Pogba. Angel è già un punto di riferimento, è già l’uomo in più e il pari in rimonta con il Barcellona lo ha dimostrato. Così come ha confermato la seria candidatura di Kean per la conferma, a dispetto del mercato. Moise ha riacciuffato i blaugrana con una doppietta da bomber vero quale è. 

 

«Questo pareggio vale tanto – sorride Massimiliano Allegri Il Barça è di nuovo grande, ha costruito una squadra importante per tornare a vincere». Lo stesso obiettivo della Juve, d’altra parte, che sta lavorando proprio per questo, mostrando piccoli ma significativi progressi. «Sono contento – aggiunge Max -, ho visto discrete trame di gioco, abbiamo creato diverse occasioni, anche se avremmo potuto far meglio sui due gol subiti».

AL CENTRO – Al centro di tutto, appunto, c’è Di Maria. L’argentino ha ispirato le migliori opportunità juventine, con assist e tocchi filtranti e ha sfiorato pure il gol. Al Fideo, Allegri garantisce ampia libertà d’azione: l’argentino è l’esterno destro del tridente e da quella zona parte per creare gioco, fornire assist, accentrarsi, tirare in porta. Con i suoi movimenti, Angel assicura anche più opzioni tattiche: da esterno diventa trequartista alle spalle del centravanti, trasformando il 4-3-3 in 4-2-3-1. «Di Maria è straordinario, è un piacere vederlo giocare» gongola il tecnico.

 

La Juve si muove attorno al suo campione e sale di tono quando riesce ad accelerare, a giocare in velocità e in verticale. Saltando rapidamente il primo pressing avversario o riconquistando in fretta il pallone. In questo lavoro, le mezzali hanno un ruolo chiave, sia nel recupero, sia nell’inserimento offensivo. Erano i compiti principali di Pogba, contro il Barcellona svolti a dovere da Zakaria e Locatelli. Proprio l’azzurro ha occupato la posizione del Polpo. È lui la prima idea di Max per sostituirlo, in attesa di ritrovare Rabiot, provare McKennie (a riposo pure ieri, ma dovrebbe giocare con il Real Madrid) e magari avere un regista dal mercato. Leggasi, a tal proposito, alla voce Paredes

 

Contro il Barça, al timone per tutti i novanta minuti c’è stato Rovella. L’ex genoano è uno dei giovani sotto la lente: in questa tournée, in sostanza, si gioca una chance di conferma e si può dire che la prova con i blaugrana è stata superata. Così come Bremer ha iniziato ad integrarsi con Bonucci, al cospetto di un avversario subito probante come Lewandowski, che ha avuto in pratica una sola occasione. Ora l’attesa è per il debutto di Vlahovic, ancora a zero minuti, previsto domenica con il Real Madrid.

NON VA – Non tutto, logicamente, può funzionare a dovere a quest’epoca e la Juve non fa eccezione. Lente di ingrandimento, in particolare, sulla sinistra. C’è il tridente da completare in quella zona, in attesa di Chiesa. Cuadrado è stato provato nel ruolo di esterno mancino: ha fornito l’assist per il gol di Kean ma non è parso a proprio agio nel trovare le misure anche in copertura. Meglio aveva fatto Moise, in quella posizione, contro il Chivas. Serve un rinforzo, insomma. E poi c’è l’annosa questione del terzino sinistro. Alex Sandro non sembra riuscire ad emergere dalla crisi che lo accompagna dalla scorsa stagione: i due gol di Dembélé arrivano dalla sua parte; Pellegrini, la sua alternativa, non offre garanzie adeguate. Serve anche qui l’aiuto del mercato? 

 

Lo scrive oggi Il Corriere dello Sport.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News