Fiorentina-Juventus 1-1, le pagelle di TJ: Paredes delude, ma le colpe non sono solo sue
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Tifo Juventus

Fiorentina-Juventus 1-1, le pagelle di TJ: Paredes delude, ma le colpe non sono solo sue

Perin salva i bianconeri dove brillano anche Danilo e la classe di Di Maria. Alex Sandro anello debole della difesa e il centrocampo soffre, ma sono le scelte di Allegri a non convincere. Milik si sbatte, ma è troppo isolato

PERIN 7,5: Nulla può sulla rete di Kouamé, fino a quel momento praticamente non era mai stato chiamato in causa. Superlativo nel neutralizzare il rigore di Jovic. In chiusura di partita ecco un altro intervento miracoloso con una grandissima parata plastica in volo sulla sassata di Amrabat da fuori area.

CUADRADO 5,5: Dalla sua parte ha un Sottil in forma e che attacca a spron battuto: il colombiano ha grosse problematiche a limitarlo. A inizio ripresa spostato in attacco non riesce a mettersi in mostra, poi viene sostituito. (64° MIRETTI 6: La panchina del classe 2003, migliore in campo nelle ultime tre gare, è un controsenso soprattutto pensando a Paredes titolare dopo due allenamenti. Non può incidire più di tanto in un secondo tempo completamente difensivo da parte della Juventus.)

DANILO 7: Si adatta anche da centrale e lo fa molto bene con una prova di grande spessore. A inizio ripresa salva un gol fatto respingendo una conclusione a botta sicura di Barak. Prosegue con un’altro importante salvataggio su un cross dalla destra in area di Dodò. Bene da centrale nella difesa a quattro, da terzino e infine da difensore di sinistra della difesa a tre: dove lo metti sta e sta benissimo!

BREMER 6,5: Ancora una prova di grande sostanza a comandare la retroguardia per il granitico centrale brasiliano. Chiusura in diagonale provvidenziale su Maleh subito dopo il vantaggio di Milik che calciava libero da marcature in area di rigore.

ALEX SANDRO 5: Appare fin dai primi minuti di partita l’anello debole della difesa. Kouamé lo punta spesso e volentiri e spesso e volentieri lo mette in difficoltà con l’apice dell’azione del gol del pareggio. (78° BONUCCI 6: Si mette al centro della difesa a comandare la retroguardia nell’assalto finale della Fiorentina.)

MCKENNIE 5,5: Nella prima frazione gode di tantissimo spazio, ma non lo sfrutta a dovere. Spreca un pallone illuminante di Di Maria che lo libera in area di rigore con un traversone impreciso. Nella ripresa si abbassa e aiuta molto la fase difensiva della Juventus con i bianconeri che stavano soffrendo troppo.

PAREDES 5: Tiene troppo palla e lo fa anche davanti alla difesa perdendo spesso la palla. Gioca di prima cercando di essere un punto di riferimento per i compagni e nella prima parte ci riesce pressando anche alto Amrabat, poi la condizione atletica non è delle migliori e cala vistosamente. Provoca ingenuamente un calcio di rigore con un braccio tenuto veramente troppo largo in area di rigore. (83° FAGIOLI S.V.: Debutto in bianconero in partita ufficiale. solo spiccioli finali per l’ex Cremonese.)

LOCATELLI 5,5: Si diceva che con l’arrivo di Paredes anche Locatelli da mezzala ne avrebbe giovato, la prima gara però non ha dato queste indicazioni. Si spende molto in fase difensiva mettendoci anche la gamba con qualche contrasto rude, ma di certo non brilla.

DI MARIA 6,5: Il suo movimento tra le linee partendo dall’esterno e accentrandosi crea non pochi problemi alla Fiorentina. Sul gol dello 0-1 perfetto il movimento e il pallone filtrante che libera a destra Cuadrado. Poco prima del pareggio di Koumé illumina ancora mettendo McKennie in area davanti a Terracciano con lo statunitense che mette in mezzo invece di calciare. Allegri lo preserva sostituendolo all’intervallo con De Sciglio: dopo l’infortunio e in previsione della sfida di Champions con il PSG una scelta che può starci. (46° DE SCIGLIO 6: Il compitino sulla fascia destra di competenza spingere e badando solo a chiudere gli esterni d’attacco di Italiano.)

MILIK 6,5: Mezzo pallone giocabile e un gol: cosa chiedergli di più? Gioca da riferimento offensivo e si sobbarca anche un grandissimo lavoro di pressing e di rientri in fase di non possesso palla. Lasciato veramente troppo, troppo isolato e, dopo la sostituzione di Di Maria, servito poco e male dai compagni.

KOSTIC 5,5: L’assist, non si sa fino a quanto voluto, per il gol di Milik a centro area e poi poco altro. Si impegna tanto nella corsa e nei rientri difensivi, ma davanti non punge. (64° KEAN 4,5: Si vede quando entra in campo e per un fallo subito a centrocampo: il suo apporto alla squadra è nullo!)

 

ALL. ALLEGRI 4,5: Parte benissimo la Juventus, ma dopo il vantaggio di Milik la squadra si siede incredibilmente giocando una partita prettamente difensiva e di rimessa creando pochissimo soprattutto dopo la sostituzione di Di Maria. Troviamo oggettivamente incomprensibile Paredes titolare dopo due allenamenti in vece di un Miretti che è sempre stato il migliore in campo delle ultime tre partite dei bianconeri! I punti che vengono a mancare in campionato sono frutto anche di queste partite e per questo non sfruttare un giocatore come Vlahovic lo troviamo incomprensibile! Se i bianconeri non dovessero fare risultato martedì al “Parc des Princes” il rammarico aumenterebbe ulteriormente. Terzo pari su cinque partite disputate, un dato che deve far riflettere e molto.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
allegri juventus

SONDAGGIO – Che voto date alla prima parte di stagione della Juventus?

Ultimo commento: "Globalmente sarebbe un bel 4. Diventa 5- per aver battuto gli innominabili"

Juventus in crisi: colpa della società o di Allegri? Votate

Ultimo commento: "Monociglio, la Pavella, bella società si, ben rappresentata, uno fa le torte e si fa riprendere, quell’altro che deve ringraziare di chiamarsi..."

Scudetto sì, scudetto no. La Juventus è realmente in corsa per la vittoria del campionato? Votate

Ultimo commento: "Magari fosse come la Ferrari ogni tanto qualche gara la vince , questa Juve non vince nemmeno se gioca a briscola, Allegri è troppo impegnato..."

I dubbi di Allegri in attacco: Dybala stanco, Morata affaticato. Chi tra Kean e Chiesa mercoledì?

Ultimo commento: "Riposare Dybala ? Qualcuno si è fumato il cervello."
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da Le pagelle di Tifo Juventus