Allegri: "Con il Venezia servirà correre e giocare. Arthur non convocato" - Tifo Juventus
Resta in contatto

News

Allegri: “Con il Venezia servirà correre e giocare. Arthur non convocato”

Il tecnico nel primissimo pomeriggio ha presentato la gara contro i lagunari ai microfoni della sala stampa dell’Allianz Stadium

Correre e giocare per far emergere le qualità della squadra: questa la “richiesta” di Allegri alla propria squadra in vista della sfida contro il Venezia.

Di seguito, infatti, le principali dichiarazioni rilasciate dal tecnico bianconero alla vigilia della sfida contro i lagunari.

LA PARTITA. «La gara di domani è complicata, il Venezia ha segnato molto in casa e solo con l’Inter non ha fatto gol. Loro sono una squadra spensierata, giocano bene. Arrivano da una brutta sconfitta contro il Verona e vorranno fare una grande partita. Dovremo metterci sul loro piano, correre e giocare, così facendo le nostre qualità tecniche dovranno venire fuori. Questo è un momento importante del campionato, dobbiamo dare un segnale, l’approccio dovrà essere di alto livello dal punto di vista fisico, mentale e tecnico».

L’INFERMERIA. «De Sciglio sta bene, McKennie non ancora e si riaggregherà con la squadra la prossima settimana. Ramsey è ancora fuori. Arthur stamattina è arrivato in ritardo all’allenamento e non sarà convocato. Dybala è pronto per giocare».

I SINGOLI. «Bernardeschi rende meglio a sinistra piuttosto che a destra, ha più libertà di movimento. Pellegrini è cresciuto molto ed è merito suo, ha voluto rimanere alla Juventus e credo che possa ancora migliorare. È una valida alternativa ad Alex Sandro».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News