Dybala, che calvario: arrivederci al 2022. Sperando che l'anno nuovo porti un po' di salute - Tifo Juventus
Resta in contatto

News

Dybala, che calvario: arrivederci al 2022. Sperando che l’anno nuovo porti un po’ di salute

Terzo ko in tre mesi per la Joya: oggi esami alla coscia destra, si teme il rientro nel 2022. E nel frattempo si continua a parlare di rinnovo

Per Paulo Dybala il 2021 si è chiuso a Venezia: dodici minuti in campo e la richiesta di sostituzione per un affaticamento muscolare da cui non riuscirà a recuperare prima della sosta. È stato rischiato e, purtroppo, si è di nuovo fermato. Ad ammettere l’azzardo lo stesso Massimiliano Allegri visto che la Joya, già mercoledì in Champions contro il Malmoe, aveva giocato soltanto il primo tempo ed era uscito nell’intervallo perché non stava bene. «Sono preoccupato – dice il tecnico bianconero -, purtroppo abbiamo rischiato e ora vediamo. Sicuramente c’è un legame con l’uscita dal campo di mercoledì: sembrava che stesse bene, purtroppo non è stato così». Sul momento quello stop precauzionale pareva sufficiente per scongiurare conseguenze peggiori, tanto più che l’attaccante giovedì e venerdì si è allenato regolarmente e ieri è stato schierato titolare, scrive stamani Tuttosport.

Invece Dybala torna per l’ennesima volta in infermeria, terzo infortunio nell’arco di tre mesi, e la Juventus deve fare a meno della sua fantasia e dei suoi colpi capaci di cambiare il volto di una partita: tra oggi e domani, dopo gli esami strumentali, si conoscerà con certezza la diagnosi – si parla di un risentimento alla coscia destra – e la prognosi. Considerando che la Juventus gioca sabato a Bologna e poi martedì 21 in casa contro il Cagliari, è assai improbabile che la Joya centri un recupero lampo. E non sarebbe neppure auspicabile visto il precedente. Semmai lo si vedrà nel nuovo anno, sperando che il 2022 gli riservi una salute migliore

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News