Il Monza di Berlusconi è l'ultima iscritta alla Serie A 2022/2023
Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Il Monza di Berlusconi è l’ultima iscritta alla Serie A 2022/2023

I brianzoli hanno superato il Pisa in una finale Play-Off di Serie B ricca di gol ed emozioni

Monza si aggiunge a Lecce Cremonese e farà parte della prossima Serie A. La promozione, ai danni del Pisa è giunta all’Arena Garibaldi/Anconetani, al termine della gara di ritorno della finale play-off, terminata 4-3 dopo i supplementari. Anche all’andata, giovedì scorso, vinsero i lombardi, in quel caso 2-1.

UN SERATA CON TANTE EMOZIONI. Tre i cambi per D’AngeloStroppa invece conferma l’undici che ha vinto l’andata. 45 secondi di gioco e vantaggio dei toscani firmato Torregrossa, che imbeccato da Beruatto, elude Pirola e mette in rete. Gara dunque subito intensa, con gli ospiti che accusano il colpo e vanno ancora sotto al minuto 8, quando Di Gregorio alla disperata respinge il pallone su un cross, Hermannsson aggancia il pallone di testa, trovando prima il palo, poi gol. Al 20’ i brianzoli, che sembravano in confusione, accorciano all’improvviso con Machin che, sigla dopo aver ricevuto palla da Mota. Controllo Var per un presunto tocco di braccio in area, poi Mariani convalida. Super intervento di Nicolas con riflesso (30’) su colpo di testa potente di Marrone. Squadre all’intervallo, dopo 2’ di recupero, Carvalho ad un passo dal 2-2 al 46’ dopo lo stop e successiva conclusione.

Al rientro in campo ritmo più tranquillo rispetto alla prima frazione, anche se con questo risultato si andrebbe ai supplementari. Nicolas fondamentale nella deviazione al 14’ sulla punizione insidiosa di Barberis. Traversa di Puscas (16’). Che partita! Stroppa opta per l’ingresso in campo di Gytkjaer al posto di Churria al 27’. Mossa che paga perché è proprio lui (a 10’ dal 45’) a marcare col destro sul colpo di tacco da parte di Mota.  Il Pisa cerca il riscatto. Per essere promosso deve segnare altre due volte nei restanti minuti. Con uno sarebbe supplentari. Che certifica Mastinu al 45′. Il sassarese ex Olbia sigla di controbalzo con un siluro dalla distanza. Al 3′ tentativo di Benali, un minuto dopo dall’altra parte, Mota di testa.  Il 3-3 lo segna Marrone al 6′ con un perfetto stacco che non lascia scampo a Nicolas. L’undici di D’Angelo è obbligato a realizzare un gol che porterebbe ai rigori, due alla promozione dopo 31 anni.  Arriva però il 3-4, con doppietta di Gytkjaer al minuto 11′ siglando con grande lucidità. Di fatto le speranze dei toscani (giustamente osannati dai propri tifosi per l’ottimo torneo) finiscono li.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
allegri juventus

SONDAGGIO – Che voto date alla prima parte di stagione della Juventus?

Ultimo commento: "Lo spogliatoio non esiste la prima donna la fa Allegri fuori dal campo che detta legge senza cognizione di causa … Gioco del calcio obsoleto .. ci..."

Juventus in crisi: colpa della società o di Allegri? Votate

Ultimo commento: "Monociglio, la Pavella, bella società si, ben rappresentata, uno fa le torte e si fa riprendere, quell’altro che deve ringraziare di chiamarsi..."

Scudetto sì, scudetto no. La Juventus è realmente in corsa per la vittoria del campionato? Votate

Ultimo commento: "Magari fosse come la Ferrari ogni tanto qualche gara la vince , questa Juve non vince nemmeno se gioca a briscola, Allegri è troppo impegnato..."

I dubbi di Allegri in attacco: Dybala stanco, Morata affaticato. Chi tra Kean e Chiesa mercoledì?

Ultimo commento: "Riposare Dybala ? Qualcuno si è fumato il cervello."
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News