Rabiot: "Possiamo ancora arrivare primi. So di dover dare di più" - Tifo Juventus
Resta in contatto

News

Rabiot: “Possiamo ancora arrivare primi. So di dover dare di più”

Il centrocampista francese nel primo pomeriggio ha presentato la sfida di Champions League contro il Malmö

Si è tenuta nel primo pomeriggio la conferenza congiunta di Massimiliano Allegri e Adrien Rabiot, i quali ai microfoni della sala stampa dell’Allianz Stadium hanno presentato il match contro il Malmö in programma domani.

Il primo a parlare è stato il francese, di cui vi riportiamo dunque le principali dichirazioni.

LA PARTITA. «Contro il Malmö dobbiamo vincere giocando bene perché possiamo ancora conquistare il primo posto. Giocheremo contro una buona squadra che non ha niente da perdere e che peraltro ha appena il vinto il proprio campionato».

IL RUOLO E LE POTENZIALITÀ. «Io sono un centrocampista centrale, ma se c’è da adattarsi sulla fascia per aiutare la squadra lo faccio senza problemi. Le mie potenzialità? So che posso migliorare e voglio dimostrare di poterlo fare. So anch’io che devo dare di più e fare più gol e più assist, quindi sto lavorando per farlo».

IL BILANCIO. «In Italia sono cresciuto molto, soprattutto tatticamente, anche se ho alternato cose buone ad altre meno buone. I fischi? Non mi hanno fatto male, sono un professionista e conosco il mondo del calcio. Io devo solo pensare al campo e giocare bene per aiutare la squadra».

LA STAGIONE. «Sicuramente pensavamo di cominciare meglio il nostro campionato perché siamo la Juventus e giochiamo sempre per vincere. All’inizio non abbiamo fatto bene, ma ora abbiamo fatto qualche passo in avanti e dobbiamo continuare così».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti bianconeri

"PINTURICCHIO", UNO DEI CALCIATORI PIÙ FORTI DEL CALCIO ITALIANO E DELLA STORIA DEL CALCIO

Alessandro Del Piero

UNO DEI MIGLIORI PORTIERI AL MONDO, SE NON IL MIGLIORE DI TUTTI I TEMPI

Dino Zoff

L'UOMO, IL CAMPIONE, UN ESEMPIO PER TUTTI

Gaetano Scirea

CAPITANO, PRESIDENTE, BANDIERA BIANCONERA

Giampiero Boniperti

TRA I PALI DELLA PORTA SONO SEGNATE INDELEBILMENTE LE TRACCE DELLA SUA GLORIOSA STORIA SPORTIVA

Gianluigi Buffon

IL TRE VOLTE CAMPIONE DEL PALLONE D'ORO, CHE VOLEVA DIVENTARE RE

Michel Platini

LA "FURIA CEKA", TRASCINATORE E IDOLO DELLA FOLLA BIANCONERA

Pavel Nedved

IL "DIVIN CODINO" BIANCONERO

Roberto Baggio

"ZIZOU", IL MAGO FRANCESE CHE DIVENNE FUORICLASSE IN BIANCONERO

Zinedine Zidane

Altro da News